• Le aree di intervento

Insieme dei disturbi psichiatrici che hanno come caratteristica predominante l'alterazione del tono dell'umore. Si distinguono in disturbi depressivi e disturbi bipolari.

Disturbi depressivi I disturbi depressivi si dividono sostanzialmente in disturbo depressivo maggiore e disturbo distimico.

Il disturbo depressivo maggiore è caratterizzato dalla presenza di uno o più episodi depressivi maggiori della durata di non meno di due settimane. In queste circostanze, il paziente riferisce un umore depresso, perdita di interesse o piacere nelle attività consuete, disturbi del sonno e dell'appetito, diminuita capacità di concentrarsi, riduzione della libido, perdita dell'autostima, pensieri negativi di morte o autolesionismo. L'episodio depressivo può essere di varia entità, con o senza manifestazioni di tipo psicotico( deliri e allucinazioni).
Il trattamento della depressione maggiore è di tipo farmacologico e psicoterapico.

Il disturbo distimico è un disturbo cronico caratterizzato dalla presenza di umore depresso che persiste per la maggior parte del giorno ed è presente nella maggior parte dei giorni, per almeno due anni( un anno per bambini e adolescenti). Per la diagnosi di distimia devono essere presenti alcuni altri sintomi come lo scarso appetito o l'iperfagia, insonnia o ipersonnia, difficoltà ad assumere decisioni, calo della libido, bassa autostima.
Anche in questo caso, la terapia farmacologica con antidepressivi e la psicoterapia sono trattamenti di elezione nella cura del disturbo.

Disturbi bipolari Nei disturbi bipolari il decorso clinico è caratterizzato dalla presenza di uno o più episodi di eccitamento e di euforia alternati a uno o più episodi depressivi. Nelle fasi di eccitamento, il paziente presenta un umore particolarmente euforico. Le idee ed i pensieri si accavallano rapidamente nella mente ed a volte diventano così veloci che spesso diventa difficile seguirli. Il comportamento diventa disorganizzato ed inconcludente. Altre volte l'umore è disforico, cioè rabbioso e irritabile. Generalmente le fasi depressive tendono a durare maggiormente rispetto a quelle euforiche: di solito le prime durano da qualche settimana a qualche mese, mentre le seconde da una a due settimane.

La terapia farmacologia costituisce il trattamento di elezione dei disturbi bipolari, anche se la psicoterapia svolge un ruolo importante in tutte le fasi della malattia. In questi casi l'uso di farmaci antidepressivi deve essere limitato e gestito da psichiatri esperti.